La Repubblica, 23 luglio 2017

Ricarica auto elettriche in autostrada, che rivoluzione

[download]

Nel 2018 il piano di Enel si sposta dentro la rete autostradale: non più nei motel o nei centri commerciali subito fuori dai caselli* ma alle stazioni di servizio: 180 colonnine* fast durante l’anno prossimo

Trenta colonnine per la ricarica elettrica fast proprio a ridosso* delle uscite dell’autostrada saranno pronte già a settembre. Prevalentemente lungo l’A1 Milano-Roma, ma anche l’A4 Torino-Venezia e un paio anche sulla Salerno-Reggio Calabria e in Sicilia. Ma questo è solo il primo passo. Nel 2018 il piano di Enel si sposta dentro le autostrade: non più nei motel o nei centri commerciali subito fuori dai caselli ma alle stazioni di servizio lungo la rete autostradale. E i numeri diventano più ambiziosi: 180 colonnine fast durante l’anno prossimo e così via, annuncia l’amministratore delegato di Enel Starace.

“A settembre partirà il piano nazionale dell’infrastruttura per il sistema di ricarica della mobilità elettrica. Abbiamo già definito il piano, lo abbiamo presentato al ministro delle Infrastrutture, Graziano Delrio, e lo lanceremo per la fine dell’estate”. Lo ha detto Francesco Starace, amministratore delegato di Enel, intervenendo a Firenze, in Palazzo Vecchio, per presentare un nuovo progetto europeo per il trasporto pubblico a zero emissioni nella città di Firenze.

“L’infrastruttura con il sistema di ricarica – ha spiegato Starace – coprirà l’intero territorio nazionale; poi faremo lo stesso anche all’estero dove siamo presenti. Per la parte che ci compete, quella dell’infrastruttura, siamo grandemente impegnati e saremo felici di collaborare a qualunque iniziativa parallela in questo settore”. Durante lo stesso incontro, Francesco Venturini, direttore della Divisione Global e-Solutions di Enel, ha precisato che il piano nazionale dell’infrastruttura per la mobilità elettrica prevede 10-12mila colonnine di ricarica da installare nell’arco di tre anni, per un investimento pari a circa 300 milioni di euro. L’Ad di Enel Starace ha sottolineato i benefici che derivano dalla diffusione delle auto elettriche, sia in termini di abbattimento* delle emissioni inquinanti che contribuiscono all’innalzamento* del gas serra sia in termini di riduzione dell’inquinamento acustico.

La realizzazione del piano dell’infrastruttura consentirà anche “l’abbattimento dell’ansia da ricarica* dovuta alla ricerca delle colonnine da parte degli automobilisti alla guida di vetture elettriche. Questo problema entro tre anni non ci sarà più”. “Ci sono dei segnali sottili che però si ripetono sempre. Quand’è che una tecnologia comincia a diventare ormai passata? Uno dei segnali classici è quando si cominciano aprire i musei di quella tecnologia – ha ricordato, tra l’altro, Starace – C’è un articolo che ho letto venendo in treno a Firenze: c’è un bellissimo museo della pompa di benzina a Tradate, un museo della pompa di benzina che ricorda il passato: quindi andatelo a vedere, e fatevi un viaggio nel passato”.

Video:

Conviene compare un’auto elettrica?

https://www.youtube.com/watch?v=RuBQfItL-HE

Glossario:
Caselli: cassa che si trova alla fine di un’autostrada dove è possibile pagare il costo dell’autostrada
Colonnine: piccole batterie a forma di colonna, dove si possono ricaricare le auto
a ridosso: vicino
Abbattimento: riduzione
Innalzamento: aumento
Ansia da ricarica: paura di non trovare delle colonnine di ricarica per ricaricare l’auto elettrica

Domande:

  • Cosa prevede il programma dell’Enel?
  • Perché è importante avere più colonnine di ricarica?
  • Quali sono i vantaggi e gli svantaggi di un’auto elettrica? Pensa ad un vantaggio e ad uno svantaggio.
  • Compreresti mai un’auto elettrica? Spiega il motivo.
  • Il governo australiano promuove l’acquisto di auto elettriche? Come?
  • Quali iniziative realizzeresti per aumentare il numero delle auto elettriche in Australia?