PICCOLA FARMACIA LETTERARIA, QUANDO LEGGERE È

LA MIGLIOR CURA

[download]

A Firenze, in via di Ripoli, c’è una farmacia speciale che si chiama la “Piccola farmacia letteraria”, un posto dove non si prescrivono farmaci e unguenti, ma libri. L’idea è di Elena Molini che in soli 35mq ha voluto creare una vera oasi del benessere con l’obiettivo di aiutare l’anima con la lettura.

Dopo una lunga esperienza maturata lavorando per una catena di librerie, Elena ha notato che le persone chiedevano spesso consigli di lettura in base ai loro stati d’animo. Come fare dunque al fine di uscire dalla libreria e sentirsi rigenerati? Tutto è molto semplice, basta consultare il catalogo presente in loco (che ha circa 4.000 titoli) e reperire il libro giusto al fine di sconfiggere il male che tanto tormenta.

Quali sono i sintomi più comuni? Elena ha sintetizzato gli stati d’animo in circa 70 categorie: si va dallo stress alla depressione passando per l’insonnia, l’ansia, la nostalgia, la malinconia.

É vero che prima o poi tutto passa e che il tempo guarisce ogni ferita ma, tra il dire e il fare, non è mai facile. Si piange, ci si sfoga, ci si dispera e poi finalmente si torna a sorridere. Come? Le vie di guarigione sono tante: c’è chi fa tesoro dell’affetto e del calore familiare, chi si butta a capofitto nella movida, chi ricorre a uno specialista e chi, invece, trova conforto in un libro. La Piccola farmacia letteraria vuole trovare delle soluzioni letterarie per i problemi reali e di tutti i giorni. Spesso entriamo in libreria e abbiamo bisogno di un libro che ci capisca o semplicemente ci aiuti, a ricordare o a superare qualcosa che non ci fa stare molto bene.

Una delle cose piú curiose della Piccola farmacia letteraria è che ogni libro viene accompagnato da un bugiardino da tenere presente dove viene indicata la posologia e ogni riferimento al quando, come e dove bisogna assumere il determinato farmaco letterario. Tocco di classe sono gli effetti collaterali, ovviamente tutti positivi.
La farmacista-libraria dà consigli in base alla propria esperienza personale, ma anche gli stessi clienti hanno l’opportunità di scrivere nuovi bugiardini. C’è anche la possibilità di creare bugiardini personalizzati per particolari idee regalo.

GLOSSARIO

UNGUENTI: creme, pomate, medicamenti
IN LOCO: sul posto
REPERIRE: trovare
GUARISCE: riacquistare la salute
BUGIARDINO: (di medicinale) foglietto illustrativo

 DOMANDE

  1. Vi piace l’idea che ha avuto Elena Molini? Perchè?
  2. Se andasse a Firenze, andreste a visitare la Piccola Farmacia Letteraria? Perchè? Quale libro per quale sintomo vi piacerebbe comprare?
  3. Vi piace leggere? Che tipo di libri? In quale lingua?
  4. Qual è il libro piú bello che avete letto? Perchè vi è piaciuto? Qual era la sua storia?
  5. Secondo voi leggere aiuta a stare bene o a sentirsi meglio? Perchè?
  6. Quando si prova un particolare stato d’animo (tristezza, noia, paura) leggere un libro può aiutare? Vi è mai capitato?
  7. Secondo voi è importante che un bambino piccolo legga? Perchè? A quanti anni dovrebbe iniziare a leggere i primi libri?
  8. Meglio un libro di carta o un ebook sul kindle? Perchè?
  9. Qual è il futuro dei libri nei prossimi 10 anni? Continueranno ad esserci o diminuiranno in favore di qualcosa di diverso? Perchè?
  10. Secondo voi qual è il tipo di industria culturale (libri, cinema, radio, televisione etc) che è destinato a durare per sempre? Perchè?