LA VIGNETTA DELLE POLEMICHE

                                                                                         [download]

In Italia da qualche settimana si è accesa una forte polemica contro l’emittente radiofonica cattolica Radio Maria che sulla sua pagina Facebook ha pubblicato una vignetta e un messaggio “Notate qualcosa di strano?”.
L’immagine è molto chiara, ci sono quattro diversi modelli femminili. In alto c’è la madre dell’Ottocento con quattro bambini e un volto sorridente che esprime felicità. A seguire, in un gradino più in basso, c’è la mamma allegra degli anni ’50/60 con due bambini altrettanto allegri.
La “discesa” della donna continua fino a trovare una madre con una maglietta femminista e un solo bambino che appare incollato ad un cellulare. Siamo probabilmente negli anni 2000 e, da quanto mostra la vignetta, inizia la degenerazione più assoluta della donna.
Il livello più basso, infine, è rappresentato da una donna che non ha figli, ma tre gatti e sembra voler rappresentare lo stereotipo di chi sostituisce i figli con gli animali domestici.
Il messaggio purtroppo sembra essere dei peggiori e suggerisce un’idea di degradazione. Questo ha causato giustamente tantissime polemiche in Italia e molte donne si sono sentite offese dalla vignetta.
L’emittente Radio Maria è adesso al centro di una bufera: è accusata di diffondere e glorificare una visione anacronistica della maternità, contribuendo a sminuire le scelte di chi non desidera avere figli e a rafforzare gli stereotipi secondo cui essere madri (meglio se di una prole numerosa) è l’unico destino possibile per le donne.
Il post con la vignetta è stato inizialmente rimosso e oggi è di nuovo presente e visibile, ma con un testo diverso “Pensiero diverso”.
Cancellare e ripostare un contenuto è un modo semplice ed efficace per far sparire commenti sgraditi, come fa notare qualcuno degli utenti. Anche il nuovo post, però, viene bersagliato da critiche. «Voi state fuori di testa. Siete pericolosi», scrive una donna. «Continuate così che in chiesa non verrà più nessuno», commenta un’altra. Non mancano prese di posizione anche da parte degli uomini, come «che bassa considerazione avete della donna» oppure «e se una coppia non può avere figli? Vignetta vergognosa!». Molte persone hanno anche notato l’assenza dei papà e degli uomini in generale.
In un’epoca come la nostra in cui si è combattuto per i diritti, per l’uguaglianza e il rispetto delle diversità (considerate come un bene della società), un episodio come quello della vignetta incriminata sembra davvero farci tornare indietro nel tempo, con amarezza e disperazione.

 

GLOSSARIO

VIGNETTA: illustrazione per libri o giornali
NOTATE: vedete
INCOLLATO: attaccato
DEGRADAZIONE: distruzione
PROLE: figli
SPARIRE: scomparire, svanire
SGRADITI: non graditi, non piacevoli
BERSAGLIATO: colpito
INCRIMINATA: accusata

 

DOMANDE

1) Guardando la vignetta, qual è la vostra interpretazione personale?
2) Secondo voi è giusto che nel 2019 ci siano ancora delle posizioni cattoliche così conservatrici?
3) Secondo voi la vignetta dovrebbe essere eliminata da Facebook? Perchè?
4) Secondo voi come è cambiata la figura della donna nell’ultimo secolo?
5) E come è invece cambiata l’immagine dell’uomo?
6) Pensate che ai giorni nostri ci sia una vera uguaglianza tra uomo e donna? Perchè?
7) Secondo voi quale potrebbe essere il modo giusto per insegnare ai bambini il valore dell’uguaglianza di genere e dell’uguaglianza in generale?
8) Parliamo di religione. In Italia i bambini a scuola possono scegliere se avere un’ora di religione (cattolica) a settimana. Come funziona in Australia?
9) Sembra che i giovani si allontanino sempre di più dalla religione e dalla Chiesa. Secondo voi per quale motivo?
10) Quali sono le istituzioni sociali più importanti per i giovani oggi? Perchè?